4trading (www.4trading.it)

analisi di borsa

Posts Tagged ‘dollaro’

Dollaro: considerazioni

Posted by 4trading su 5 gennaio 2008

Non c’e’ alcun dubbio che il motore dell’economia e della finanza e’ il biglietto verde. I suoi movimenti, in parte conseguenti all’uscita di dati macro, sull’economia Usa, ed in parte alla speculazione creano movimenti molto sostenuti su tutti i mercati (obbligazionario ed azionario). I pessimi dati Usa usciti in questa settimana (ISM manifatturiero ed occupazione – entrambi nettamente inferiori alle attese) lasciano supporre all’inizio della recessione che potrebbe spingere i valori della divisa americana a ivelli piu’ bassi. Ma a questo punto, una debolezza accentuata del biglietto verde creerebbe seri problemi inflattivi per il mercato domestico soprattutto se i valori delle commodities (non solo in petrolio ma anche quelle alimentari) continuassero a salire. A questo punto, a nostro modesto parere, si apre un doppio scenario:

  • il dollaro comincia a recuperare terreno e, gradualmente torna verso area 1.4 euro prima e 1.3 euro in seguito
  • il dollaro prosegue il movimento correttivo e si porta verso livelli molto bassi in area 1.52 contro euro prima ed area 1.6 euro in seguito.

Il rischio di un dollaro debole, come accennato in precedenza, determinera’, oltre che una crisi a livello finanziario, un incremento dell’inflazione e la necessita’, da parte della Fed, di combattere questo pericolo. Ma la situazione economica (in forte rallentamento) non e’ in grado, ora sara’ improbabile anche in futuro, di sopportare una stabilita’ o, peggio, un innalzamento dei tassi. D’altro canto il debito Usa, che si stava ridimensionando in questi ultimi mesi, rappresenta una spada di Damocle sempre presente.

Sempre a nostro modesto parere, ci appare piu’ verosimile la possibilita’ che il dollaro recuperi terreno in maniera tale da arginare i rischi latenti di inflazione. Ma tutto cio’ non bastera’ per frenare la corsa delle materie prime: sara’ necessario raffreddarle accentuando l’impressione (tra gli operatori) che la recessione e’ alle porte e che il consumo delle commodities primarie rallentera’. Venerdi’ in serata gia’ si sono visti, in maniera molto limitata, i primi effetti sul petrolio che e’ sceso sotto area 98 dollari al barile.

Riassumendo

Riteniamo probabile questo scenario:

  • mercati azionari in difficolta’ ma solo nel breve periodo;
  • graduale, e lenta, risalita del valore del dollaro contro euro;
  • ulteriore taglio dei tassi in Usa e, non prima della primavera, in Europa;
  • incremento del valore delle commotidies foods;
  • ripresa dei mercati azionari dopo il primo trimestre dell’anno in corso.

Posted in dollaro | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »