4trading (www.4trading.it)

analisi di borsa

Commento di chiusura 3/1/08

Posted by 4trading su 3 gennaio 2008

Contrastate le principali piazze continentali. Non si è salvata nemmeno la Borsa di Milano, che ha accusato il nervosismo derivante dalla rinnovata forza del greggio che ha sfiorato i 100 dollari e le turbolenze del mercato del credito. E’ di oggi la notizia che sono crollate nell’ultima settimana negli Usa le richieste di prestito-casa, con una contrazione del 12% dell’indice generale, mentre più in dettaglio i rifinanziamenti sono scesi del 15%. Il dato diffuso ha confermato i timori persistenti legati all’andamento del settore, pesantemente colpito dalla crisi subprime. L’indice Mibtel ha archiviato la seduta in flessione dello 0,10% mentre l’S&P/Mib è praticamente invariato. Stesso copione per Fiat. Il
titolo della casa torinese partito bene ha poi invertito la rotta in tarda mattinata per chiudere in flessione del 3,6%.
Male anche Alitalia che ha lasciato sul terreno l’1,73%. Sempre basso il volume degli scambi. A creare tensione attorno alla compagnia di bandiera italiana indiscrezioni di stampa che hanno ventilato un braccio di ferro tra il governo e la Regione Lombardia, intenzionata a dare battaglia sul ridimensionamento dell’hub di Milano Malpensa. Giù anche banche e assicurazioni.
Si sono mossi con convinzione invece i petroliferi (Eni +1,56%) e in generale il settore energia sostenuti dalla forza del prezzo del petrolio, che oggi ha toccato quota 100 dollari.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: